#5.

Ieri sfogliando i post di facebook, fra le tante, svariate frasi, è comparso l'annuncio della morte di Cristina, una ragazza come me, come tutte voi, che soffriva di disturbi alimentari da chissà quanti anni; un arresto cardiaco scrivono tutti. Chi c'è dentro, e sa leggere fra le righe della sua pagina facebook sa' che non soffriva solo di anoressia, io l'ho capito, ma non importa..io spero solo che adesso lei sia in pace, e che lassù possa trovare la serenità che in questo mondo non è riuscita ad avere.
Così, vi ho pensate, e ho pensato a me, che mi ritengo sempre pro eutanasia davanti al pensiero di poter essere dipendente da altre persone, che penso che non sarebbe vita, che non sarebbe dignitoso, eppure non è dignitoso nemmeno il mio modo di buttarmi via...

Mentre vi pensavo, mi sono ricordata quanto rimanevo in suspense quando qualcuna di voi che amavo leggere spariva dal nulla non scrivendo più, senza dare notizie..rimavo lì a controllare e ricontrollare il blog sperando in un aggiornamento, senza riuscire a trovare motivazioni.
Ora che è successo a me so darmi più di una motivazione...

A Marzo di quest'anno mentre stavo mollando la presa con le cure ho ricevuto un'offerta di lavoro in un ospedale privato-convenzionato, così le ho mollare proprio definitivamente.  
Il 16 ho iniziato il lavoro e mi sono trasferita, ho avuto pochi alti e moltissimi bassi stando sempre sola oltre il lavoro e tornando a casa solo il weekend. A Luglio decido di tornare a casa e fare un po' la pendolare, ad Agosto io e il mio ragazzo abbiamo deciso di andare a convivere. Siamo a Novembre, convivo e ho un lavoro come Infermiera, il lavoro della mia vita. 

così ancora una volta..mi trovo a pormi la fatidica domanda..cosa non va nella mia vita?

Perchè la verità è che la bulimia mi attanaglia ancora. Certo, non ho più giorni interi per piangere, pensare, deprimermi, abbuffarmi e vomitare di continuo, ma non vuol dire che io sia guarita. 
Solo...non ho tempo di pensare, non ho tempo di buttarmi giù, mangio ai pasti, ma vomito..e questa è bulimia. 

Comunque desidero ancora poter svegliarmi avendo dimenticato cosa vuol dire disturbo alimentare.

Spero che voi stiate tutte bene.

Vi abbraccio. 



Commenti

  1. Ciao... purtroppo anche io ho letto la notizia della mancanza di Cristina... una ragazza come tante di noi a dover combattere ogni giorno contro un dca. A volte tendiamo a ignorare i possibili pericoli legati alla malattia, ma fino a quando non sbattiamo davanti alla realtà non ci rendiamo conto del pericolo che possiamo correre...

    comunque... anche io quando non vedo aggiornare i blog mi prende un po' di paura. Però penso che se la ragazza non si fa sentire è anche perchè magari sta meglio e non vuole più scrivere... magari è presa dalla sua nuova vita , mi piace pensare in positivo. Tipo tu hai vissuto tanti cambiamenti, tutti positivi, a parte questo maledetto tarlo che prima o poi dobbiamo sconfiggere. Un abbraccio
    Pulce

    RispondiElimina
  2. Io... io l`ho dimenticato. Ma non ho dimenticato come si vive a farsi del male di continuo... spesso per colpe che ci diamo solo noi, che esistono solo nella nostra mente. Ed è proprio perché non l`ho dimenticato che so non ci ricaschero mai più. Dopo 11 anni di Non vita... io l'ho buttata nelle spine. Non ho fatto nient'altro. E sto cercando di riscattarmi adesso che ho quasi 26 anni. Non è bello nè semplice.. ma so che avrò una mia vita adesso. Scusami se ho parlato di me... ma è per farti capire che sì, può mancarti tutto e non può mancarti nulla. Puoi avere aiuti esterni o esser abbastanza forte e fidarti di te per riuscire a stare meglio. Ce la si fa, indipendentemente dal lavoro, dal ragazzo, dalla famiglia e tanto altro. Bisogna rompere le brutte abitudine e crearne di nuove. Io adesso penso" ma quando passavo le giornate A vomitare cos'altro facevo?" Non facevo nient'altro. Perché non esistevo. L'ho letto adesso questo post, un po' tardi... forza e coraggio sempre <3

    RispondiElimina
  3. Io... io l`ho dimenticato. Ma non ho dimenticato come si vive a farsi del male di continuo... spesso per colpe che ci diamo solo noi, che esistono solo nella nostra mente. Ed è proprio perché non l`ho dimenticato che so non ci ricaschero mai più. Dopo 11 anni di Non vita... io l'ho buttata nelle spine. Non ho fatto nient'altro. E sto cercando di riscattarmi adesso che ho quasi 26 anni. Non è bello nè semplice.. ma so che avrò una mia vita adesso. Scusami se ho parlato di me... ma è per farti capire che sì, può mancarti tutto e non può mancarti nulla. Puoi avere aiuti esterni o esser abbastanza forte e fidarti di te per riuscire a stare meglio. Ce la si fa, indipendentemente dal lavoro, dal ragazzo, dalla famiglia e tanto altro. Bisogna rompere le brutte abitudine e crearne di nuove. Io adesso penso" ma quando passavo le giornate A vomitare cos'altro facevo?" Non facevo nient'altro. Perché non esistevo. L'ho letto adesso questo post, un po' tardi... forza e coraggio sempre <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento cara..mi hai ricordato di questo spazio abbandonato...magari anche io posso uscirne..già...

      Elimina
    2. Io ho iniziato a leggerti dall'inizio. Dal primo.blog... sei fortissima! Piano piano Ce la farai <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

#1.

#4.